Social media manager: qual è il suo ruolo?

Creo Group immobiliare digitale marketing real estate

Un social media manager è una figura sempre più presente nel mondo della comunicazione online. Molte aziende pensano (sbagliando!) di poterne fare a meno: quella del social media manager è una figura professionale determinante. Può decretare, infatti, il successo o il fallimento di un profilo social e, di conseguenza, dell’azienda ad esso collegata.

Ma andiamo per gradi: cosa fa un social media manager?

Innanzitutto, la sua funzione primaria è garantire la presenza online di un profilo business. In che modo? Comprendere a fondo i valori dell’azienda, del libero professionista, dell’ente o dell’organizzazione che si rappresenta è il primo e imprescindibile passo. Questo permette di raccontare al meglio il profilo che si gestisce e si rappresenta, adottando uno stile comunicativo in linea. Una caratteristica necessaria anche nella gestione della community, nella moderazione dei commenti e nella messaggistica privata.

smartphone social media manager feed instagram

La formazione

Una figura professionale di alto livello, si sa, necessita di formazione e aggiornamenti continui. Un professionista che lavora con i social, in modo particolare. I cambiamenti sono più celeri e un algoritmo che cambia può determinare un modo di lavorare del tutto nuovo. Metodo e apertura mentale sono due delle caratteristiche più importanti di questo profilo lavorativo.

Il tone of voice

Una componente fondamentale nella comunicazione online è il tone of voice. Di cosa si tratta? È il modo in cui si dialoga con i propri utenti e che copre una gamma dall’istituzionale all’estremamente amichevole, passando per la formalità e la cordialità. E per stabilire quale tone of voice sia il più indicato, bisogna porsi una domanda “Cosa si vuole suscitare nell’utente?”. Divertimento, sensazionalismo, affidabilità… Le scelte sono molteplici. Non c’è una risposta giusta per tutti, ma ogni realtà avrà il suo tono di voce più idoneo e conforme a ciò che comunica.

social media manager lavoro team

La strategia

Un social media manager conosce le dinamiche dei social in modo approfondito: sa dare il giusto peso a ciascuna metrica. E, aspetto non meno importante, è un “filtro” tra insights e cliente. Già, perché è opinione comune attribuire molta importanza al numero di follower e like, ma si tratta solo di alcuni dati da osservare. Importanti, certo, ma un’esplosione del numero dei follower, se non è unita a una produzione di contenuti di valore, serve a ben poco. Ed è (anche) qui che arriva in soccorso la figura del social media manager: la sua visione d’insieme e la sua conoscenza approfondita dei social riescono a dare un’impronta molto più strategica e smart.

Le ads

La formazione del social media manager permette di valutare anche degli investimenti sui social. Le ads sono una risorsa di estrema importanza per aumentare la notorietà di un brand, di un’impresa o di un personaggio. O per conseguire altri risultati come l’incremento delle vendite o l’individuazione di target specifici, ad esempio. È per questo che una campagna di sponsorizzazioni mirata e coordinata da un social media manager farà fruttare la somma investita. Accanto a questo lavoro, si affianca quello di scelta dei tool digitali più indicati per la realizzazione di una strategia.

Ma alla base di tutto c’è una valutazione: sapersi affidare a dei professionisti. Certo, molte soluzioni si prospettano come più economiche e solo apparentemente più convenienti, ma rivolgendosi a figure senza esperienza si danneggia la propria immagine. Solo un vero professionista sarà in grado di intercettare i bisogni dell’azienda e tradurli in parole e immagini, avere un’ottica strategica e rafforzare il rapporto con gli utenti, rendendo vincente la comunicazione online.

Ti può interessare anche...